Agglomerato di quarzo - FAQ

Cos'è l'agglomerato di quarzo?


L'agglomerato di quarzo è un materiale composto da sabbie di quarzo puro e sabbie silicee (94% circa, in funzione del produttore) ed una piccola parte di resine strutturali poliestere (6%), e, per talune finiture pigmenti colorati. Possiamo definirlo "naturale" stante l'alto tasso di quarzo.
I piani di lavoro in agglomerato di quarzo sono la perfetta combinazione tra l’alta tecnologia ed i materiali naturali più duri e resistenti.




Agglomerato di quarzo o marmo?


Grazie alle sue qualità è uno dei migliori materiali utilizzabili come piano di lavoro in cucina. Se confrontato con il marmo, ormai sostituito da nuovi materiali innovativi, l'agglomerato di quarzo risulta meno poroso e più resistente. Non assorbe liquidi, è inattaccabile dagli acidi e alcune aziende lo propongono addirittura con il trattamento antibatterico (vedi Silestone).




Il colore resiste ai raggi UVA?


E' un materiale che non subisce variazioni cromatiche nel tempo, anche se esposto alla luce diretta del sole. Non avrete quindi alcun problemna se il piano (o parte di esso) riceverà la luce del sole diretta (ad esempio quando si trova in prossimità di una finestra), Il colore non vira; Bello oggi, bello domani.




Spessori e colori; tanta scelta?


Sì, decisamente. E' realizzabile in qualsiasi spessore a partire dai 2 cm (in taluni casi anche 12 mm) e con qualsiasi forma o sagoma desideriate. La gamma cromatica disponibile varia da produttore a produttore ed è generalmente composta da piani con inserti riflettenti, piani a grana grossa e disomogenea e piani a grana più fine e omogenea.




L'agglomerato di quarzo assorbe le macchie?


Questa domanda riconduce ad un'altro aspetto tipico di questo materiale, ovvero la porosità.
L'agglomerato di quarzo non è poroso, quindi non assorbe liquidi, odori e grassi alimentari, il che lo rende un materiale altamente igienico e molto facile da pulire.Per le sostanze utilizzate in cucina per la preparazione dei cibi o la pulizia ordinaria non abbiamo rilevato alcuna problematica. Tuttavia va prestata attenzione ad alcune sostanze chimiche, le quali, seppure non abitualmente utilizzate in ambito domestico, possono essere presenti (diluite) in detergenti particolarmente aggressivi (esempio disgorganti, pulitori per forni, etc). Il quarzo è del tutto anassorbente (0.015%). Attenzione anche alle sostanze eccessivamente basiche. L'uso di questi prodotti rappresentano un'eventualità comunque rare in ambito domestico.
il contatto con prodotti con ph basico, soda caustica, trielina, solventi per vernici industriali lo danneggiano seriamente. Anche il contatto diretto con cibi ricchi di sostanze acide come gli agrumi va evitato.




Da vedere, sembra una pietra?


L'agglomerato risulta "freddo al tatto", un po' come la pietra naturale, e può essere personalizzato a piacimento per realizzare banconi, penisole e isole. Il più delle vole il cliente in esposizione chiede; "che pietra è questa?"




Quali sono i limiti di questo materiale?


Purtroppo un limite c'è ed è rappresentato dalla limitata resistenza allo shock termico, cioè alla repentina e violenta variazione di temperatura. In questi casi il piano potrebbe generare delle micro fessurazioni se non, in rarissimi casi, delle vere e proprie crepe. Un esempio concreto è rappresentato dalla "cattiva abitudine" di appoggiare la pentola rovente direttamente sul piano in agglomerato senza utilizzare un sotto pentola. L'anello debole è rappresentato dalla presenza, seppure in minime percentuali (negli agglomerati di qualità), di una certa percentuale di resina la quale è maggiormente sensibile al calore e può nel tempo deteriorarsi.




Perchè viene consigliato l'agglomerato di quarzo?


L’agglomerato di quarzo è un materiale relativamente recente, ma le diverse applicazioni nei più svariati campi di utilizzano, lo consigliano come un prodotto molto adatto alla realizzazione di piani per cucina. E' senza dubbio uno dei materiali migliori per tali destinazioni d'uso. scopri di più sui numerosi vantaggi che possiede questo materiale!




Il principale vantagioi dell'agglomerato di quarzo?


La durezzaIl quarzo è un materiale estremamente duro e resistente: sulla scala di Mohs, usata per valutare la durezza dei materiali, si posiziona subito dopo il diamante, il topazio e lo zaffiro. Una bella garanzia!




Si può appoggiare la pentola rovente direttamente sul piano?


Va detto che il piano in quarzo resiste al calore sino a 180°, ma le diverse tipologie di pentolame presenti sul mercato a doppio, triplo ed anche quadruplo fondo, per mantenere calore di normale cottura dei cibi, sviluppano temperature molto più elevate dei 180°. Come per quasi tutti i materiali per piani cucina, si deve sempre appoggiare la pentola calda (caffettiere e pirofile comprese) su di un sottopentola, mai direttamente sul piano: lo shock termico derivante potrebbe creare la rottura del piano stesso o generare micro fessurazioni, precludendo la caratteristica principale del materiale ovvero l'impermeabilità. Rispetto al granito, l’agglomerato di quarzo ha una minore tolleranza al calore; si consiglia quindi di evitare il contatto diretto con fiamme od oggetti surriscaldati, e non soltanto le pentole appena tolte dal fuoco, ma anche di non utilizzarlo come piano per il ferro da stiro.​




Quanti colori sono disponibili?


Non c'è una risposta definitiva perchè l'aggiornamento è in contiunua evoluzione. Gli agglomerati hanno un' infinita gamma di colori in funzione anche della Casa Produttrice; questo consente di personalizzare al massimo la propria cucina. Per la scelta della finitura vi invitiamo a consultare i campioni disponibili presso la nostra sede.




L'agglomerato di quarzo necessita di manutenzione?


Molto semplice la manutenzione ordinaria e la pulizia quotidiana. Non ci sono tediosi manuali da leggere, bensì poche e semplici regole da seguire. Per venire incontro alle esigenze dei consumatori finali sono disponibili detergenti specifici per la pulizia di superfici in quarzo resina elaborati da aziende specializzate nella cura dei materiali (es. Federchemicals).Grazie a ricerca e sviluppo in associazione tra i laboratori è stato possibile creare un prodotto efficace e facile da utilizzare anche giornalmente da tutti gli utenti che vogliano mantenere nel tempo la bellezza delle superfici garantendo una pulizia profonda senza alonature. Il prodotto A-shine plus è disponibile su richiesta.




C'è qualche consiglio utile?


Ecco sei consigli per la manutenzione del piano cucina in quarzo- 1. Evitate di usare prodotti chimici forti come candeggina e ammoniaca. 2. Come sopra indicato, l’agglomerato di quarzo è facile da pulire, perché è un materiale non poroso e quindi non assorbe sostanze liquide e sporco. Un panno morbido inumidito con acqua e un detergente neutro sarà sufficiente per la maggior parte delle macchie; al contrario un uso intensivo di prodotti contenenti candeggina potrebbe lasciare segni bianchi. Evitare inoltre l’alcol denaturato. 3. Utilizzare sempre un sottopentola quando si appoggiano oggetti caldi sulla superficie. Il materiale resiste alle alte temperature, ma è comunque meglio proteggerlo per evitare il contatto diretto con pentole appena tolte dai fornelli. Il contatto diretto con oggetti surriscaldati o fiamme potrebbe causare segni permanenti dovuti al riscaldamento della resina, o crepe per shock termico. 4. Non utilizzare il piano cucina come asse da stiro. Come appena menzionato, il contatto diretto con oggetti surriscaldati potrebbe lasciare segni permanenti. 5. Utilizzare un tagliere durante la preparazione dei pasti. Sebbene il materiale sia resistente ai graffi, se si vuole preservare l’aspetto originario per il maggior tempo possibile si consiglia di utilizzare sempre un tagliere. 6. Non salire e non sedersi sul piano cucina. Il top non dovrebbe mai sopportare pesi maggiori di 50 kg. Prestate particolare attenzione a sollecitazioni in prossimità dei punti critici/deboli cioè in corrispondenza dei fori in cui sono installati il piano cottura o il lavello, in prossimità di sbalzi o punti di innesto/giunzione.​




Come si pulisce l'agglomerato di quarzo?


Consigli di pulizia per le superfici lucide UTILIZZARE: un panno morbido inumidito con acqua e detergenti neutri. Per macchie persistenti si possono usare anche detersivi aggressivi a base leggermente acida come ad esempio, Viakal, Aiax bagno, Cif etc.
NON USARE: prodotti contenenti candeggina o comunque a ph altamente basico
Consigli di pulizia superfici opache
Sono più difficili da pulire, infatti le particelle di sporco che sulla superficie lucida sono facilmente asportabili, sulle altre superfici si possono depositare nelle micro porosità risultando difficili da asportare.Per la pulizia ordinaria si possono usare tutti i detergenti normalmente utilizzati sulle superfici lucide.NB: Il materiale comunque non assorbe le sostanze liquide e quindi lo sporco che potrebbe essere trattenuto dalle micro zigrinature non penetra nel materiale ed è sempre asportabile.




Un elenco dei pregi.. e qualcos'altro?


Perchè scegliere un piano in agglomerato di quarzo?
Alta resistenza agli urti, all’ abrasione ed agli agenti chimici.
Assorbimento dei liquidi praticamente nullo.
Uniformità di colorazione per lastre della stessa partita di produzione-
Facilità di manutenzione (non richiede l’applicazione di alcun tipo di trattamento sulle superfici lucide);
Vasta gamma di colori in grado di soddisfare le più svariate esigenzeInstallazioni§
Un ulteriore vantaggio di questi piani è la possibilità di eseguire installazioni di piani cottura e lavelli a filotop (ovvero senza il classico "rialzo" tipico dell' incasso standard).
Esiste inoltre la possibilità di installazioni lavello sottotop




Come si realizza il filotop?


I fori per l’inserimento di lavelli e piani cottura, con incasso a filo, sono realizzati con macchine controllo numerico di alta tecnologia e precisione; le tolleranze sono determinate dalle case costruttrici. E’ indispensabile che questi elementi a filo siano installati da personale qualificato che provveda all' installazione a regola d’arte.​ I nostri montatori sono stati istruiti per poter eseguire questo tipo di installazione e dispongono di sigillanti idonei atossici certificati per l'impiego in cucina.




Quali sono i principali produttori di lastre in agglomerato di quarzo?


I principali produttori di lastre per top piani cucina in agglomerati di quarzo sono: Quarella, Silestone by Cosentino (vedi sezione specifica), Stone Italiana, Marmo Arredo, Okite (vedi sezione specifica), Caesar Stone, Quartzform, Santamargherita, e molti altri. Prima della scelta accertatevi della quantità di quarzo presente nell'agglomerato! E' un dettaglio fondamentale.




Qualche dato tecnico?


​Dimensioni e pesi: l’agglomerato di quarzo è un materiale prodotto sotto forma di lastre le cui misure in genere sono da 305 x 135 x 2/3 cm. realizzate, dai più importanti produttori, con impiantistica Breton.
Le lastre in spessore 2 cm. pesano circa 50 Kg. al metro quadro.
Le lastre con spessore 3, cm. pesano circa 75 Kg. al metro quadro.​




Quanto costa il top della cucina in agglomerato di quarzo?


Questa è la domanda che molti clienti rivolgono spaventati all'arredatore mentre si sta progettando una cucina. Purtroppo non è possibile rispondere in modo univoco a tale domanda, in quanto le variabili in gioco per calcolarne il prezzo sono molteplici. In primo luogo le dimensioni della cucina stessa, quanti e quali tipologie di fori per l'incasso ci sono e talvolta la stessa finitura (o colore), i lati visibili, lo spessore ed infine il materiale.
La nostra esperienza ci suggerisce, ad eccezione di rari casi,che una cucina può essere realizzata con qualsiasi materiale voi scegliate, dal classico laminato all'agglomerato di quarzo fino al Corian, al gres, al Dekton. Possiamo indicare delle fasce di prezzo per categorizzare i vari materiali in base al prezzo al metro lineare (inteso con 60 cm di profondità): a partire dai 60/70 €/ml per un piano realizzato con un laminato bordo unicolor di buona qualità, 180/400 €/ml per i piani in agglomerato di quarzo, dai 300 €/ml in su per i top in Corian o materiale ceramico.
Le promozioni attive di Scavolini consentono di ottenere un'ottimo agglomerato di quarzo al pari costo di un piano in laminato.





Resistenza

ABRASIONE DUREZZA

****

URTO
ELASTICITA'

****

AGENTI CHIMICI IMPERMEABILITA'

****

CALORE TERMORESISTENZA

**

NATURA

AMBIENTE

*****

Covallero Arredamenti Srl


Via Altmann 11 Altmannstr.
Bolzano - Bozen, 39100 BZ, Italy 


E-mail: info@covallero.it

P.IVA:  02337550210

T:  +39-0471.-920435  F:  +39-0471-201700

  • Facebook - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Instagram - Black Circle